Build a school in the cloud

sabato 25 febbraio 2017

Nuova sessione sul denaro

Ieri, 24/02/17, abbiamo continuato a cercare di capire perché con le banconote "ufficiali" si possono comprare beni mentre con qualsiasi altro pezzo di carta non è possibile.

I bambini/ragazzi, sempre divisi a gruppi di 3 o 4, questa volta si sono concentrati, naturalmente senza nessuna interferenza da parte mia, se non nel momento della traduzione per spiegare a Kitty quanto fatto, su: "Che cosa è il denaro" e, se qualcuno ha semplicemente copiato alcune nozioni senza averne ben chiaro il significato, altri, si sono concentrati sul concetto di scambio di beni, valore legale e consuetudine.

La prossima sessione sarà dedicata ad altro argomento in attesa di rivederci con il prof Zingales per confrontarci con lui sul significato di moneta, il 10/03/17

Riccardo Lodi

martedì 21 febbraio 2017

Sessione alla II C scuola media del Maria Luigia di Parma


Oggi, martedì 21/02/2017, effettuata sessione dimostrativa presso la II C della scuola media Maria Luigia a Parma.
La sessione verteva sulla seguente domanda:

what is freedom? What is your freedom concept?

I ragazzi si sono divisi in gruppi, si sono confrontati, hanno scritto le loro conclusioni e quando in un gruppo non erano d'accordo sulle conclusioni, di comune accordo esponevano quelle di ognuno.

Conclusa la ricerca, ci siamo collegati con Kitty, la granny cloud, alla quale i ragazzi hanno esposto i risultati delle ricerche in inglese e, alla fine le hanno rivolto varie domande per conosce questa nonna del Kansas e il posto in cui abita.
Riccardo Lodi

sabato 18 febbraio 2017

Sessione con il prof. Zingales

Ieri 17/02/17. il protagonista della grande domanda posta ai bambini è stato il professor Luigi Zingales della "University of Chicago Booth"il quale, collegato in video conferenza, ha presentato ai bambini una banconota da 20 € chiedendogli se con quella avrebbero comprato qualcosa. Fatto questo ha mostrato un pezzo di carta con scritto "20€" e firmata da lui chiedendo se con quel pezzo di carta avrebbero potuto acquistare qualcosa. La conseguente domanda è stata: come mai il primo pezzo di carta ha valore mentre il secondo no?

I bambini hanno fin da subito preso posizione chi con la sicurezza di aver compreso e chi trovandosi in difficoltà. Ci sono state discussioni animate ed allora, dopo aver presentato la domanda alla nostra granny cloud, abbiamo deciso di dedicare anche la prossima sessione alla ricerca di una risposta anche per essere preparati alla discussione che seguirà, sempre con il prof. Zingales, nella sessione del 10/03/17

Riccardo Lodi


sabato 11 febbraio 2017

Venerdì 10/02/17 sessione dedicata a due domande poste dalla nostra granny cloud Kitty: la prima riguardante l'origine della parola Kansas (Stato nel quale abita Kitty stessa) e la seconda su un museo aerospaziale presente in Kansas con uno dei migliori planetari e museo spaziale visitabile anche on line. Si è trattata di una sessione atipica che ha però permesso, specie nel caso del secondo argomento, di far si che i bambini cercassero di comprendere come muoversi all'interno di un sito in inglese, dedicando il tempo rimanente all'argomento museale più interessante per ogni singolo gruppo: Sezione navi spaziali, sezione dedicata all'investigazione spaziale piuttosto che alla corsa verso lo spazio durante la guerra fredda.

Venerdì prossimo torneremo alle Big question e, sempre venerdì 17 la domanda verrà posta da Luigi Zingales che per l'occasione si collegherà con noi dalla Chicago Booth

Riccardo Lodi

lunedì 6 febbraio 2017

Venerdì scorso: 03/02/17, abbiamo dedicato la sessione ad alcune domande semplici che Kitty ha posto in inglese ai bambini.
Loro hanno dovuto comprendere le domande e rispondere per poi presentare il risultato delle loro piccole ricerche alla nostra granny cloud.

Le domande erano: Who were the first inhabitants of Italy? Describe an animal or a plant typical of Italy. What are the mountains that you can see from Parma?

Piccole domande ma che hanno impegnato i bambini nella comprensione, nella ricerca, nella traduzione e nella presentazione, tenendo sempre presente che il lavoro avviene in gruppi di 4.

Riccardo Lodi