Build a school in the cloud

lunedì 26 marzo 2018

Ultima sessioni scratch

Venerdì sera si è tenuta l'ultima sessione collegati al prof. Emanuele Panizzi con il quale i bambini hanno discusso sui risultati delle loro (faticose) ricerche sulla ricerca binaria.

Evidentemente i bambini avevano capito come indovinare nel minor numero possibile di tentativi un numero, ma come il sistema trovato li avesse portati alla scoperta del bite e a comprendere la ricerca binaria...nel corso della sessione è stato evidente ci fosse della confusione.

Grazie al supporto ed alla pazienza del pro. Panizzi, i bambini hanno meglio compreso gli aspetti della ricerca binaria e con lui hanno imparato a far animare il personaggio che avevano scelto, facendo in modo che fosse lui a porre la domanda: " fra 1 e 100, che numero ho pensato?" e poi rispondesse ai tentativi dei bambini fino a quando non indovinavano.

Un grazie davvero di cuore alla disponibilità del professor Panizzi.
Riccardo Lodi



Sessione speciale con il prof. Gino Gandolfi

Venerdì scorso si è tenuta la settima sessione SOLE presso la II B della scuola Media Fra Salimbene.
La particolarità della sessione è stata dovuta al fatto che, questa volta a porre la domanda è stato un "amico di SOLE Italia" docente di banking e insurance presso la SDA Bocconi e l'Università di Parma: Gino Gandolfi.

La domanda è stata la seguente: " A cosa servono le banche?"

Il motivo di questa domanda è stata dovuta al fatto che, consapevoli che i ragazzi, nel corso delle loro ricerche, avrebbero trovato informazioni ambigue, abbiamo pensato di variare un pò il programma standard delle sessioni dedicando questa alla ricerca e la prossima ad un confronto fra i ragazzi ed il professore stesso il quale, molto gentilmente, ci dedicherà un'ora del suo tempo per confrontarsi con il ragazzi sul tema.
Quindi: " Stay tuned"

Riccardo Lodi



giovedì 15 marzo 2018

spreco alimentare

lunedì si è tenuta la sesta sessione presso la II B della scuola Fra Salimbene e la grande domanda ha toccato un argomento che i ragazzi affronteranno in questo periodo:
che cos'è lo spreco alimentare? Soluzioni?

La grande domanda è stata divisa in due perché la definizione di spreco alimentare, in se, trova una risposta più o meno univoca, ed infatti le risposte sono state abbastanza similari, ma le possibili soluzioni sono abbastanza aleatorie ed alcune contraddittorie (un gruppo ha preso in considerazione proprio una di queste contraddizioni) infatti i vari gruppi hanno trovato alcune soluzioni similari: stare attenti a quello che si compra evitando di riempire inutilmente il frigo, ma poi, ci si è addentrati nelle contraddizioni del mercato per cui, se anche il singolo ci mette buona volontà, il consumatore medio difficilmente acquista al mercato prodotti vicino alla scadenza e questo moltiplica i prodotti che vengono inutilmente buttati.

La sessione direi sia stata stimolante anche in questa occasione...
Riccardo Lodi



domenica 11 marzo 2018

Ricerca Binaria

Ieri abbiamo tentato di rispondere alla domanda posta la scorsa sessione da Emanuele Panizzi il quale ha lasciato i bambini con il seguente quesito: " come faccio ad indovinare un numero utilizzando il minor numero possibile di tentativi?"

La ricerca non è stata facile perchè molti risultati portavano a spiegazioni tecniche non comprensibili ai bambini ( e neanche al sottoscritto...).
Alla fine, grazie allo sforzo di un gruppo, abbiamo trovato quello che meglio spiegava a noi quale fosse il problema ed allora abbiamo scoperta la ricerca binaria ed i bites...cioè l'ABC dell'informatica

Venerdì prossimo salteremo la sessione causa impegni della parrocchia ma torneremo il 23 con l'ultimo incontro con Emanuele Panizzi

Riccardo Lodi



domenica 4 marzo 2018

II puntata scratch con Emanuele Panizzi

Ieri sera, si è tenuto, al doposcuola S.O.L.E. la seconda sessione in compagnia di Emanuele Panizzi collegato dall'Università la Sapienza di Roma.

I bambini hanno proseguito nel loro percorso di comprensione degli algoritmi necessari per muovere personaggio, costruire figure.

A differenza della vota precedente, durante l'ora trascorsa i nostri piccoli scienziati hanno seguito le indicazioni di Emanuele ma in più di un'occasione hanno sperimentato cercando soluzioni personali.

Al termine della sessione Panizzi li ha lasciati con la seguente domanda (che svilupperemo nella prossima sessione): come faccio ad indovinare un numero con il minor numero possibile di tentativi?

Riccardo Lodi.

P.s. la presenza delle giacche è dovuto al continuo dimenticarsi di accendere il riscaldamento prima della sessione..😏

V sessione alla scuola Fra Salimbene

Venerdì 2/3/18 si è tenuta la V sessione con la II B della scuola media Fra Salimbene.
A metà del percorso, avendo deciso di fare con loro 10 sessioni, abbiamo pensato di porre una grande domanda che scardinasse un pò il modo con il quale avevano lavorato nelle precedenti sessioni:

La domanda posta è stata: "Come faccio a sapere quando ho ragione?"

Il lavoro portato avanti ha visto un minimo uso di internet e la massimizzazione della discussione intra gruppi, perchè la domanda era talmente aperta e affrontabile da molti punti di vista che difficilmente si sarebbe potuto trovare qualcosa on line nel poco tempo disponibile.

Fra l'altro, per problemi logistici il tempo concesso ai ragazzi per il lavoro è stato molto breve: 25 minuti ma, nonostante questo e l'iniziale difficoltà data dal non riuscire a trovare niente in rete...le risposte sono state davvero sorprendenti:

Empatia, confronto, discussione, rabbia, aspetti psicologici e di genere, dubbio e relatività delle verità.
Alla fine, essendo l'ora di spagnolo, i ragazzi hanno presentato i concetti chiave delle loro ricerche in spagnolo.
Riccardo Lodi




Come ci facciamo manipolare

il 28/02/18 nuova sessione alla scuola madia Maria Luigia con una domanda molto interessante: "How can our thinking be manipulated?"
La domanda era in inglese perchè la sessione si è tenuta durante l'ora di lingua ed allora i ragazzi, dopo il canonico tempo dedicato alla ricerca, hanno risposto, in inglese, prendendo in considerazione: l'uso del linguaggio per manipolarci, il marketing, le neuroscienze.

Su sei gruppi presenti solo due hanno toccato lo stesso argomento e questo è uno degli aspetti positivi del lasciare a loro libertà di ricerca.

Al termine dell'esposizione al resto della classe da parte di ogni gruppo, ci siamo collegati con Kitty, dal Kansas, per condividere con lei le nostre scoperte, chiaramente in inglese.
Ancora una volta i ragazzi, pur essendo alla loro prima esperienza, (era una terza media che voleva sperimentare il metodo), si sono dimostrati attenti, curiosi, collaborativi.
Riccardo Lodi