Build a school in the cloud

domenica 20 dicembre 2020

Progetto prevenzione "CONNESSIONI NELLA COMUNITA' EDUCANTE"

 Fra la metà di novembre ed i primi di dicembre si sono tenuti, a cura di S.O.L.E. Italia con la partecipazione dell'AUSL di Parma, l'Università di Parma,  le scuole, la comunità Betania e aziende locali, i tre webinar introduttivi del progetto "Connessioni nella comunità educante" che vuole dotare il nostro territorio di un progetto di prevenzione contro le dipendenze (tutte), che sia: lungimirante, evidence based, e di rete perchè senza queste tre caratteristiche qualunque progetto di prevenzione fallisce.

Il cammino è appena iniziato e sarà lungo ma le premesse poste sono positive: a partire dalla partecipazione degli insegnanti operanti nella provincia di Parma(fra i 100 ed i 130 per ogni sessione) e dalla manifestazione di interesse espressa.

La pandemia ci costringe a rivedere i piani ma cercheremo di arrivare al lavoro sul campo, la parte fondamentale, pronti affinché tutta la cittadinanza sia attiva nel supportare, soprattutto i giovani e giovanissimi che avranno bisogno prima che possano entrare nella spirale di una dipendenza.

Perché S.O.L.E. Italia ha deciso di occuparsi di prevenzione? Perché la nostra associazione vuole preparare i giovani al futuro migliorando il loro apprendere, aiutandoli a sviluppare curiosità, creatività e spirito critico e questo progetto è parte essenziale di una visione di futuro nel quale si sia in grado di fare scelte positive

Riccardo Lodi







Seminari per le scuole ladine

 Nei giorni scorsi si sono conclusi tre seminari, sulla piattaforma StartSOLE, che la provincia autonoma di Bolzano ha chiesto a S.O.L.E. Italia per condividere con le scuole ladine il progetto S.O.L.E. e la metodologia sottesa.

Sono intervenuti, con sessioni separate un totale di circa 50 insegnanti che speriamo nel prossimo futuro potranno portare un pò di S.O.L.E. anche nelle valli ladine.

Ci siamo comunque ripromessi di poter andare a trovare gli insegnanti partecipanti in loco quando la pandemia sarà passata per sperimentare de visu i progressi di gli alunni di ogni età possono essere protagonisti incuriosendoli ed insegnando loro a farsi domande